AdWords: I misspelling

In questo articolo cercherò di essere più breve e conciso rispetto ai due precedenti. Per comprendere meglio quello di cui parleremo ti consiglio di andare a leggere i precedenti articoli che trovi qui:

  1. https://www.linkedin.com/pulse/adwords-levoluzione-del-funnel-da-4-5-passaggi-francesco-maria-errico/
  2. https://www.linkedin.com/pulse/adwords-la-corrispondenza-delle-parole-chiave-francesco-maria-errico/

Nell’articolo sulle corrispondenze abbiamo visto come la corrispondenza esatta attiva il nostro annuncio nel momento in cui la query dell’utente corrisponde esattamente alla parola chiave che abbiamo inserito nel nostro gruppo di parole chiave.

Spesso, soprattutto da desktop ci capita, per la fretta, di digitare male alcune parole come ad esempio:

“vacnaza al mare” anziché “vacanza al mare” od utilizzare plurali come “vacanze al mare”.

Seguendo ciò che abbiamo imparato riguardo alla corrispondenza esatta, nel caso avessimo inserito l’esatta [vacanza al mare] di logica il nostro annuncio non dovrebbe attivarsi, ma qui ci viene in aiuto mr. Google che riesce a comprendere gli errori e le variazioni singolare/plurale attivando di conseguenza anche il nostro annuncio, quanto visto si chiama comunemente misspelling.

A questo punto potremmo chiederci “come posso avere un controllo totale delle chiavi?”, qui ci viene in aiuto, come già visto in precedenza, la corrispondenza inversa; nel caso in cui non volessimo che il nostro annuncio si attivi con la query “vacanza al mare” ma solo con la query “vacanze al mare” andremo a comporre il nostro gruppo di parole chiave in questo modo:

  •  [Vacanza al mare]
  •  -Vacanze

In questo modo il nostro annuncio si attiverà soltanto nel caso in cui si digiti “vacanza al mare” escludendo quindi la variante plurale.

N.B. Un eventuale errore di digitazione come “vacnaza” attiva, come detto prima, l’annuncio!

Questa settimana come detto ho deciso di essere breve, in modo tale da non mischiare argomenti che risulterebbero sconnessi, la prossima settimana andremo a fare delle considerazioni sul budget,  costi per clic ed impression.

Se ti interessano questi articoli e vuoi rimanere aggiornato aggiungimi pure su LinkedIn

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *